Ottanta mucche da mungere

Fiorenzo Bosticco


Era il….   mah! Era tanto tempo fa…poi tutte le storie iniziano così

Un giovedi, si ricordo, un giovedi come tanti altri, mezzi allo scarico – carico ordini di produzione, conteggi di magazzino, ma da alcuni mesi in Elastogran c’era il cantiere dell’ ampliamento in atto. Tra muratori, elettricisti, meccanici, il numero di persone presenti in stabilimento era sensibilmente aumentato e ogni giorno sempre operatori nuovi.

IMG 0209

Stavo caricando nel forno il b1,4  due fusti, ok... poi c’è spazio ancora per due, allora un po’ di resina… Il forno era posizionato vicino al quadro elettrico di derivazione di stabilimento, dove era si trovava l'interruttore generale. Fuori si stava scavando per le fondazioni dell'ampliamento. Una pala meccanica cercava la vecchia tubazione per collegarla al nuovo percorso. La pala lavorava poco lontano dalla cabina ENEL.

Improvvisamente le luci di reparto si abbassano e  pulsano. Tutti i motori dei mescolatori e delle pompe si spengono e al forno scatta l’automatico. Sono vicino al quadro di derivazione di reparto, la leva di blocco è a poco più di due passi svelti e stacco tutto…

Poi esco verso il cortile,  vicino alla cabina ENEL. Lo scavatore aveva agganciato con la benna un cavo, un grosso cavo… L'scavatore rimbalzava con continui sussulti e salti e  l’operatore, con un balzo di alcuni metri, salta dalla cabina e cade poco lontano. Corro verso di lui. Non dimenticherò mai il suo sguardo e i suoi capelli dritti e gli occhi a palla  fissi: si leggeva stupore e sorpresa. Appena vicino mi sono reso conto che anche i peli delle braccia erano dritti e balbettava no… no… niente… niente…  Improvvisamente un botto fortissimo: il trasformatore era esploso. Dalle finestrelle a feritoia della cabina usciva fumo grigio poi sempre piu nero…

Dietro di me arriva Angh detto Domenico Perchiazzi con un estintore, ma la cabina è chiusa a chiave.

“Vai subito da Viglietti portineria chiamate i VVFF”. Nel frattempo aiuto l’operatore della pala. Si alza e continua dire no… no… no niente… Si sentono ancora dei botti all’interno della cabina ENEL. Affacciati al portone ci sono tutti. Ci coordiniamo e rientriamo per valutare lo stato dei mescolatori. “Il prepolimero… a che punto è la reazione??’’ che fortuna …  Appena travasato il reattore è vuoto. “Emanuela subito, subito, telefona a ENEL guasti.“

Arrivano i VVFF dico a Ciccillo (detto Francesco Perchiazzi): “Va in guardiola, chiedi a Viglietti le chiavi della cabina ENEL”.

Presentaz timer5min.007

Mi giro verso i VVFF perché sento dei forti colpi. Hanno già buttato giù con asce e paranchini la porta e stanno facendo altrettanto con il cancello di protezione interna. Abbattono la rete di protezione prima con due e poi tre estintori a polvere. Tutto spento. Stanno parlando via  radio con ENEL guasti e sollecitano il loro arrivo. Arriva il capo produzione della FIRGAT. A passo veloce e con uno sguardo incazzato perché ha gli stampi delle gomma bloccati. Tentano di aprirli con il paranco e il reparto collaudo è fermo. Arriva il contadino della Cascina Rossa. Dice che lui è da solo e non può mungere 80 mucche due volte al giorno, a mano. La mungitrice è ferma.

Il nodo della cabina blocca FIRGAT, blocca anche la cascina e alcune villette.

Guardo preoccupato l'ingresso… chi deve ancora venire a lamentarsi?

Poco dopo dobbiamo trovare un nuovo trasformatore.

“Chiedi a Vultaggio Nord Elettra se sa dove trovarlo”

“Boh!!!”

“Chiedi a Lopreiato”

“Chiedete a me”

“Boh!”

“Chiedete a Vultaggio”…

E poi servono dei cavi nuovi. “Emanuela chiama le Lanfranco, loro sono veloci”. Franco arriva e mi dice che c’è da travasare la mescola della ILPO  e… le bilance  sono elettriche come si fa?  Vultaggio interviene idea!! is può usare una batteria da camion e facciamo un collegamento volante, piano piano si può fare il travaso. Emanuela chiama Caranzano: “E chiama qui chiama là un momento neh”.

Ciccillo sa saldare. Angh sa verniciare con Chiabrando a capo si fa un bel lavoro e in fretta. E in produzione chi ci sta a infustare il materiale della ILPO?

“Chiama il ragionier Dicembre dalla contabilità lui attacca le etichette e chiude i tappi”.

Lo controlla Rullo.

“Emanuela chiama Lanfranco: deve passare dalla ferramenta a prendere la vernice. Urgente”.

“E mi pareva… un momento neh”. Il giorno dopo ENEL ha finito. Noi no. Manca ancora il trasformatore. Il geometra Festa lo sta cercando in tutta la regione. “Miracolo! miracolo! Un trasformatore a Cuneo di seconda mano ma buono. Anzi ottimo”.

“Emanuela chiama Lanfranco urgente”.

“Eh… eh… ! Un momento neh”.

Dopo, al termine del  secondo giorno… Collaudo.


Dopo aver lavorato per due giorni sino a tardi tutti quanti con la cena e il pranzo ordinati al ristorante San Marco di Villanova la cucina FIRGAT non poteva funzionare.

“Arriva! Arriva la corrente!”

“Dai la mescola per Europlastica di Civitanova Marche. Ha gia telefonato tre volte”.

“Chi va alla Firgat a portare la notizia?”

“Io no!”.

“Alla cascina ??…"

“Io no !"

“Allora domani su due turni per recuperare. Poi ragazzi dobbiamo mettere su una squadra antincendio che merita”.

“Si ma i danni più grossi li hanno fatti proprio i VVFF!”.

“Appunto. Proprio per quello!”.

Una emergenza. Una piccola squadra di colleghi legati e coinvolti. Nessuno ha detto “no questo non è il mio lavoro”.

Anzi… Questo è il momento tra tanti che più ricordo volentieri!